Lavorare online: scopri quali sono le occasioni di lavoro online per guadagnare

In tempi di crisi crescente ed economia stagnante, sono sempre più numerose le persone (giovani e meno giovani) che cercano informazioni nel web su come lavorare online. Mi sono messo per un giorno nei panni dell’italiano medio che, ritrovatosi in bolletta, decide di fare una ricerca su Google col termine lavoro online.

Sicuramente è verissimo che internet, grazie alla possibilità offerta dal telelavoro (ma non solo…), ha allargato moltissimo gli orizzonti professionali di parecchie categorie di lavoratori (dipendenti e non) permettendo un’elasticità professionale che, fino a non moltissimi anni fa, era assolutamente impensabile.

Inoltre, grazie al web, sono nati diversi lavori online che prima non esistevano. Si pensi, per esempio, a professioni come: webmaster, sistemista, esperto di marketing online, esperto di posizionamento sui motori di ricerca, eccetera. Però non è tutto oro quello che luccica.

…In che senso? Semplice: quando si parla di lavoro online, è opportuno informarsi per bene e capire di cosa si sta parlando perché, in questo ambito, puoi trovare tutto…e il contrario di tutto. Insomma: attenzione ai lavori online “farlocchi” per non dire, in certi casi, alle fregature vere e proprie!

Capisco perfettamente che ci sia fame di denaro in questi tempi più che mai e che, quindi, un sacco di gente sia alla disperata ricerca di sistemi per guadagnare con online, tuttavia lasciami dire che  quello che ho trovato non è affatto edificante (giusto per usare un eufemismo!).

Ci sarebbe molto da discutere, ma per evitare di farti perdere inutilmente tempo ed energie su cose che non funzionano, voglio iniziare elencando tutti quei metodi di lavoro online che non fanno ricavare assolutamente nulla (se non pochissimi centesimi) e che consistono nel:

  • leggere email piene di pubblicità
  • cliccare sui banner
  • visualizzare barre pubblicitarie
  • navigare in siti pubblicitari
  • partecipare a sondaggi online e indagini di mercato
  • eccetera…

In passato abbiamo già scritto nel sito diversi articoli su questi argomenti, e quindi non ci soffermeremo ulteriormente sul motivo per cui questi sistemi NON sono un lavoro online serio. In ogni caso, se hai voglia di approfondire, ti basta andare a cercare nei vecchi articoli del sito.

Esiste poi una seconda carrellata di metodi che non servono a nulla esattamente come i primi, anzi a volte diventano anche economicamente dannosi per via della loro apparente idea imprenditoriale.

Prima di elencare i sistemi più famosi, ti spiego per bene su cosa fanno leva così non lo starò più a ripetere ogni volta. Sapendo che, ormai, la maggior parte degli internauti sono consapevoli che i vari tipi di lavoro online sopra citati sono soltanto una perdita di tempo, è nato un sottobosco di idee apparentemente imprenditoriali.

Dico apparentemente in quanto prevedono sempre l’apertura di un qualche negozio virtuale dove tecnicamente si vende qualcosa e, di conseguenza, si è spinti a credere che si tratti di gestire un negozio online perché ne ha le sembianze.

Tuttavia, a differenza delle normalissime attività online di vendita, presentano sempre la possibilità di creare una struttura di vendita piramidale dove teoricamente si dovrebbe guadagnare come nel multi level marketing. Ma questo è proprio il più grande problema di questi metodi!

Infatti, per poter creare la distribuzione degli introiti economici a svariati livelli di referer (ossia i vari affiliati che compongono la struttura piramidale), occorre diminuire sensibilmente il ricavo del primo livello, portandolo molto più in basso della normale media di mercato.

Se poi aggiungiamo che nelle attività online il ricarico di vendita sulle merci è già di per sé più basso, per fare in modo di essere concorrenziale rispetto alle stesse merci comprate nei centri commerciali offline, si può facilmente intuire che il più delle volte i ricavi saranno decisamente bassi se non addirittura in perdita.

Visto che ci sono, voglio parlarti qui dei due più famosi negozi virtuali online: DHS Club e Gigacenter. Tuttavia, sappi che questo discorso rimane uguale anche per qualunque altro sistema simile di lavoro online…

=> DHS Club

L’acronimo sta per “Discount Home Shoppers Club” e, in pratica, consiste nella possibilità di vendere dei prodotti del loro store attraverso il tuo negozio online. Il sistema è simile al dropshipping ma, in questo caso, il tuo store online è già preparato da loro e devi solo allacciarlo al tuo sito.

Ogni volta che vendi guadagni dei punti. E guadagnerai dei punti anche quando acquisti. Questi punti possono essere, successivamente, convertiti in soldi veri.

Hai la possibilità di proporre il sistema ad altri internauti che, se accettano, ti permetteranno di guadagnare anche sulle vendite e sugli acquisti da loro effettuati e così via. Sembra tutto bello no? Allora si guadagnerà per forza! Sbagliato…

I prezzi che pratica DHS Club sono per lo più notevolmente più cari di quelli che puoi trovare in qualunque centro commerciale italiano, ed enormemente più cari di quelli dei negozi online veri e propri (come Amazon giusto per citare un nome noto). Quindi, se speri di guadagnare vendendo sei sicuramente sulla strada sbagliata.

Inoltre, essendo i ricavi delle vendite bassi, ciò comporterà che non puoi neanche avviare una campagna pubblicitaria online. Ti spiegano che puoi avvisare gli amici tramite Facebook, eccetera. Tuttavia, come più volte detto in questo blog, la gente non arriva nel tuo sito per la volontà dello Spirito Santo!

Anzi, se ti metti a spammare sulle bacheche di Facebook e a inviare email a sproposito a chiunque, rischi solo di fare incazzare (giustamente!) la gente e di farti bannare dai vari account (social ed email) che utilizzi.

…Se vuoi aumentare le visite al tuo sito in modo serio, allora devi lavorarci ed essere anche disposto a spendere del denaro. E a volte, in alcune nicchie di mercato particolarmente competitive, il costo di acquisizione dei visitatori non è neanche molto basso.

Ad Esempio, un visitatore che arriva sul tuo sito tramite annunci AdWords costa in media 20 centesimi al click (può andare dai 5 centesimi per nicchie poco interessanti a 50 e più centesimi per quelle più competitive dove girano parecchi soldi).

Sapendo che se un sito è competitivo e fatto bene compra in media un visitatore ogni 100, si fa presto a capire che prima scuci 20 euro e poi fai la vendita. Considerando poi che i prezzi sono in media più alti, potrebbe anche darsi che non comprerà mai nessuno, o che magari fai una vendita ogni 500/1.000 visitatori…

Sì, puoi migliorare il tutto creandoti una mailing list, un canale YouTube e tutto quello che vuoi. Sta di fatto, però, che questi sistemi sono migliorativi per siti già validi e competitivi in partenza, ma non possono fare il miracolo di far diventare vincente un business online nato già male in partenza.

A questo punto salta fuori la membership VIP. Ma il discorso non migliora affatto in quanto, prima di tutto, essa NON è gratuita e quindi aumenti le spese di sicuro. Per avere cosa poi? L’ “opportunità” di proporre il sistema ad altri (che difficilmente caveranno il classico ragno dal buco).

In genere, la maggior parte dei neo “imprenditori” online getterà la spugna prima che finisca un anno di attività (a voler essere molto ottimisti!).

=> Gigacenter

Per il Gigacenter valgono le stesse considerazioni appena fatte nei riguardi di DHS Club, con l’aggravante che sembra sparito nel nulla insieme a tutti i siti correlati…

Cioè, da un giorno a l’altro tutta la struttura sembra scomparsa nel nulla! Probabilmente non comprava nessuno e hanno deciso di chiudere. Eventualmente, appena verrò a conoscenza di informazioni dettagliate, aggiornerò questo articolo.

Detto ciò non devi farti prendere dallo sconforto come vedo in molti commenti in rete del tipo “sono tutte truffe”, “con internet non si guadagna nulla”, “gli unici soldi che si guadagnano sono quelli fatti con il sudore della fronte”. Per non parlare poi degli ever green tipo “i politici ci stanno fregando…”, eccetera.

In internet si guadagna e come, infatti noi di Guadagnare Online Italia ci guadagnamo, così come molti dei nostri colleghi e partner di lavoro.

Certo ci guadagnamo, però lo facciamo mettendo in piedi attività serie, basate su un lavoro online serio ed esercitando delle competenze e un know-hhow di rilievo. Non è che siamo “miracolati” o raccomandati della rete. 😉

Ci facciamo il cosiddetto mazzo a pianificare e realizzare l’idea di base (cioè a pensare, pianificare e mettere in opera) e poi i risultati arrivano e sono per lo più automatizzati. Ma dietro c’è comunque un grosso lavoro, insieme a tutta una serie di competenze che non si improvvisano.

Abbiamo scritto già molti articoli a riguardo, ma vogliamo fare una breve carrellata dei metodi che fanno guadagnare bene se realizzati con tutti i crismi (perché già testati):

Per ulteriori informazioni sugli ultimi tre punti, magari da un attimo un’occhiata a questo articolo. Solo sviluppando le idee sopracitate puoi ottenere tutte le fonti di guadagno che vuoi, ma nulla toglie che puoi realizzarne di altre sfruttando le tue personali competenze per laorare online in modo professionale e redditizio.

Sicuramente la rete permette di crearsi un reddito vero e del tutto legale. In ogni caso, internet non è il paese dei balocchi! Questo significa che, qualunque tipo di attività tu decida di intraprendere sul web, valgono sempre le stesse regole di mercato valide anche offline:

  • Nessuno ti regala niente…
  • Devi offrire un prodotto e/o un servizio che le persone sono disposte ad acquistare .
  • Devi essere disposto a lavorare e a formarti in continuazione perché il mercato evolve in maniera sempre più veloce (soprattutto online).

Insomma, è possibilissimo portare avanti un lavoro online con estremo profitto. Lo fanno già milioni di persone nel mondo e in Italia, quindi lo puoi fare anche tu. L’importante è avere voglia di lavorare e di imparare a fare cose nuove che, molto probabilmente, nessuno ti ha mai insegnato fino a ora.

15 Commenti

  1. Guadagnare Online Italia
    • Gloria
  2. Ines
  3. NIK
  4. cecina
  5. Alessandro
  6. Sabry
    • Mark Cannelli

Inserisci un commento