Le nuove frontiere della pubblicità online per le piccole e medie imprese

Noi di Guadagnare Online Italia ci interessiamo, da sempre, dei metodi attraverso i quali non solo i privati, ma anche le piccole e medie imprese commerciali (PMI) possono incrementare il loro business e guadagnare di più grazie agli strumenti offerti da internet.

Come dice il proverbio “la pubblicità è l’anima del commercio” e tra gli strumenti pubblicitari online più innovativi e più efficaci per le PMI, vogliamo segnalare il portale Cliente Ok. Il geniale servizio proposto da Cliente Ok si traduce in un sistema di acquisizione e fidelizzazione clienti, basato su un semplice e chiaro meccanismo di cashback a beneficio dei clienti stessi (per cashback si intende la restituzione di denaro vero, in proporzione agli acquisti effettuati).

Cliente Ok è veramente notevole in quanto è studiato proprio in relazione al boom del mobile, perché ormai è un dato di fatto che le nuove frontiere della pubblicità online passano attraverso i dispositivi mobili, in particolare attraverso i moderni smartphone i quali sono diventati la televisione personale di moltissime persone (giovani ma anche meno giovani).

Infatti nel 2013, per la prima volta nella nostra storia, gli accessi a internet da dispositivi mobili hanno superato gli accessi da PC. Ormai i social network sono i “quotidiani” più letti al mondo, anche se non hanno una redazione, poiché semplificano l’accesso alle informazioni. E’ innegabile: è in corso un vero e proprio cambiamento epocale. La nuova rivoluzione copernicana si chiama internet mobile.

“Si sta affermando una nuova internet”, afferma Andrea Rangone, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio New Media & New Internet, “ed è basata sull’utilizzo di dispositivi mobili come smartphone e tablet e sulla grande diffusione di social e app”. “È soprattutto nel mercato pubblicitario”, ha sottolineato Rangone, “che gli internet Media risultano più decisivi”.

E aggiunge: “Di fatto, internet è da due anni il secondo mezzo per investimenti pubblicitari in Italia, dopo il sorpasso sulla stampa avvenuto nel 2013; con un +11% nel 2014 ha raggiunto una quota di mercato pari al 27% e nel 2015 stimiamo possa arrivare a valere il 30% del totale mercato pubblicitario sui Media italiani”.

La TV resta ancora il primo canale pubblicitario come fatturato (ancora per adesso). Tuttavia gli elevati costi di accesso a questo canale lo rendono appannaggio esclusivo delle grandi multinazionali, escludendo quasi integralmente le piccole e medie imprese (PMI), che rappresentano in pratica il 90% del tessuto imprenditoriale italiano.

Le aziende italiane sono quindi chiamate, nel loro stesso interesse, a sfruttare i nuovi canali digitali disponibili sul web per valorizzare al meglio il loro business cogliendo, in questo modo, nuove opportunità di guadagno aumentando la clientela.

Come al solito è il mercato a dettare le regole del gioco, alle quali i commercianti devono prontamente adeguarsi, se vogliono sperare di poter competere sull’attuale scenario commerciale.

Il passaggio dalla vecchia alla nuova internet è quasi completato: a fine 2016 gli utenti che accedevano al web mensilmente da smartphone sono stati circa il 90% di quelli che navigano da PC, così come quasi il 90% degli utenti internet visitano mensilmente i social network e i portali verticali per effettuare acquisti online.

Questa è la fotografia scattata dall’Osservatorio New Media & New Internet della School of Management del Politecnico di Milano, ma basta guardarsi intorno per rendersi conto delle proporzioni del fenomeno. Girando per strada, al ristorante o persino alla guida di un’automobile, le persone hanno gli occhi puntati sullo smartphone.

E da che mondo e mondo la pubblicità va sempre fatta là dove le persone si raccolgono!

Negli anni ’60 e ’70 c’era l’arrotino che passava col furgone, tra i vicoli popolari affollati di abitazioni, allertando gli inquilini col caratteristico megafono.

Negli anni ’80 e ’90 è iniziata, prima negli USA e successivamente nel vecchio continente, la proliferazione dei grandi centri commerciali all’interno dei quali era possibile prenotare isole pubblicitarie, oppure promuoversi all’esterno utilizzando i classici cartelloni 6 x 3.

Oggi le persone sono su internet, connesse 24 ore su 24 grazie a un gingillo digitale che entra facilmente in tasca. Le persone si sono spostate lì. La pubblicità si è spostata lì.

Ciò detto, torniamo ora a Cliente Ok il quale è sicuramente tra gli strumenti pubblicitari innovativi più efficaci soprattutto per il tessuto imprenditoriale italiano che, come visto poco fa, è composto principalmente da PMI.

Infatti, non a caso, il servizio è dedicato esclusivamente alla piccole e medie attività commerciali e mette a disposizione un portale molto evoluto dal lato tecnico (perfettamente navigabile anche da smartphone e tablet), ma estremamente semplice da utilizzare anche per coloro che hanno scarsa dimestichezza con la tecnologia.

Al fine di venire incontro alle esigenze della PMI italiana, rappresentata principalmente da “uomini del fare” non avvezzi all’utilizzo delle nuove tecnologie e con poco tempo a disposizione per “smanettare” con le impostazioni, il portale si presenta sotto una veste assolutamente user friendly, anche se nasconde sottopelle la possibilità di personalizzare le proprie campagne promozionali in maniera profilata e minuziosa.

Infatti, in aggiunta al grandissimo bacino di potenziali clienti rintracciabili online, il servizio pubblicitario offerto da Cliente Ok alle PMI comprende moltissimi altri vantaggi, i quali sono tipici della moderna pubblicità online e impossibili – o comunque molto difficili – da ottenere con i canali pubblicitari tradizionali:

  • Profilazione di campagne pubblicitarie, che ne aumentano esponenzialmente l’efficacia.
  • Pubblicità interattiva, che aumenta il coinvolgimento dell’utente.
  • Costi pubblicitari pressochè ridicoli, se confrontati con quelli dei media tradizionali.

Come è ben specifiato all’interno di questo articolo del blog di Cliente Ok, il servizio offerto consta di due sostanziali vantaggi:

  • Lato imprese: le aziende possono effettuare campagne pubblicitarie online, con un raggio d’azione di decine di migliaia di potenziali clienti assolutamente in target con la loro offerta commerciale.
  • Lato clienti: i consumatori possono effettuare acquisti all’interno dei negozi del circuito ricevendo indietro, in proporzione a quello che spendono, una quota di denaro vero (e quindi non le solite schede punti con i soliti premi) che potranno poi utilizzare come, dove e quando vogliono.

Si tratta di uno strumento potentissimo, messo a disposizione delle piccole e medie imprese italiane, per acquisire e fidelizzare nuovi clienti. I consumatori invece verranno premiati per i loro acquisti ricevendo indietro soldi veri e, grazie a ciò, saranno quindi incentivati a continuare ad acquistare all’interno del circuito di imprese aderenti a Cliente Ok.

Si tratta di un’iniziativa che ci sentiamo di segnalare poiché, dopo aver provato il servizio, ne caldeggiamo l’adesione in virtù dei grandissimi vantaggi che ne derivano.

Per quanto riguarda i clienti finali il servizio è completamente gratuito. Sulla home page del sito clienteok.com è inserito un video della durata di 90 secondi, che spiega i molti vantaggi previsti dal servizio per il consumatore finale e che noi, in questa sede, abbiamo soltanto riassunto.

Inserisci un commento