Guadagnare con PayPal: verità e truffe…

Sono ormai diversi anni che circola in rete un sedicente metodo per guadagnare con PayPal. Il sistema consiste nel caricare 5 euro nel conto PayPal di un tizio, che si trova in cima a una lista.

Non appena pagherai, il tizio in questione ti manderà una mail con il metodo per guadagnare con PayPal. Nel sistema c’è spiegato quanto segue:

  • Rassicurazioni sulla validità del metodo.

  • Pseudo rassicurazioni sulla legalità del metodo e sul fatto che è accettato da PayPal. Cose queste palesemente false!

  • Consiglio sul copiare la stessa lettera quando si deve convincere gli altri a partecipare.

  • Ti vengono fornite 5 email di gente che sta sopra di te nella piramide.

  • Tu devi caricare 5 euro al primo della lista.

  • Quando questo riceve i soldi, ti manda la lettera con spiegati questi stessi punti.

  • Tu modificherai la lista da dare agli altri che convincerai a entrare, togliendo la mail che hai finanziato, facendo così salire gli altri 4 di un posto e inserendo la tua mail legata a PayPal al quinto posto.

  • Chi convinci a entrare nel sistema dovrà fare le stesse cose.

  • Ovviamente c’è tutta una pseudo dimostrazione matematica dei “soldoni” che farai…

In pratica sono tutte stronzate e, soprattutto, questo sistema è assolutamente illegale in tutta l’Unione Europea. Tra l’altro, se ti becca la polizia postale, passi i guai anche se tu non hai incassato neanche un solo centesimo!

Questo dal punto di vista legale. Se poi andiamo sul dato matematico, quello che hai appena visto descritta è un classico esempio di Schema di Ponzi, meglio noto dalle nostre parti come catena di sant’Antonio.

Gli unici a guadagnarci, come avviene in ogni catena di sant’Antonio, sono sempre e solo i primi della lista. Logico che, visto che i primi a partecipare trovano già la piramide con 5 nomi, gli stessi 5 nomi li metterà il fondatore…

Quando il primo cliente arriverà in cima, il fondatore ha già incassato decina di migliaia di euro e sono decine di migliaia le persone coinvolte e, quindi, il sistema sarà già stato smascherato o quasi… In definitiva, chi entra dentro senza far parte dei fondatori lo prende solo in quel posto.

Ovviamente questi sistemi piramidali a catena sono sempre esistiti, ma in internet hanno avuto un notevole incremento grazie alla possibilità di pubblicizzarsi viralmente e ai pochi soldi chiesti per entrarvi.

Questa truffa, oltre a essere realizzata tramite PayPal, ha anche un’altra “variante” – in tutto e per tutto identica a livello di logica del funzionamento economico – che è possibile trovare in giro usando la Postepay.

Veniamo adesso a quelli che sono i sistemi legali per guadagnare con PayPal (anche se non hanno tutti la stessa efficacia come vedremo):

=> Le donazioni

Si tratta di inserire un pulsante per le donazioni all’interno del tuo sito. Attraverso di esso, puoi chiedere ai visitatori di finanziare il tuo lavoro con delle donazioni volontarie. Il pulsante ha, molto spesso, questo aspetto:

Le sollecitazioni più utilizzate, per spingere gli utenti a fare le donazioni, sono: “Fai un’offerta libera”, “Aiuta a finanziare il progetto”, “Offrimi una birra”, “Offrimi un caffè” e simili.

Nei paesi anglosassoni le donazioni sono degli ottimi metodi per guadagnare con PayPal e finanziarti. Gli utenti bazzicano il tuo sito e se lo fanno vuol dire che lo trovano interessante. E quindi, probabilmente, ogni 3 o 4 mesi faranno una donazione di qualche dollaro.

La mentalità media si questi paesi è quella di finanziare il sito e il suo autore, in modo tale che continui il suo lavoro e a dare sempre buone dritte. Non ti arrischiare a farlo in Italia! Non conosco nessuno che molli soldi per finanziare progetti in modo spontaneo. Tu stesso chiediti: hai mai fatto una donazione a qualcuno su internet?

Non è assolutamente un caso che nel nostro paese per racimolare qualche soldo per la ricerca debbano distribuire azalee, uova di Pasqua, piantine, arance, eccetera. Oltre a condire tutto ciò, assai di frequente, anche con un notevole marketing televisivo…

All’estero di queste cose non se ne vedono spesso in quanto la gente, di sua spontanea volontà, fa le donazioni senza ricevere sacchetti di arance in cambio! Quanto pensi che ti doneranno volontariamente gli utenti del tuo sito? (domanda retorica se vivi in Italia…)

=> Affiliazione PayPal

In pratica si tratta di aderire al programma di affiliazione di PayPal, meglio noto col nome di “Programma Bonus presentazione commercianti“. Prima di tutto dovrai iscriverti (è gratis). Dopo di che, ci sarà da fare un po’ di pubblicità a PayPal alle persone giuste.

…Come? Ottenendo un tuo link di presentazione personalizzato da inviare via email e/o inserendo un banner nel tuo sito, sperando così di convincere altri commercianti a usare PayPal per ricevere i loro pagamenti.

I compensi? Se riesci a convincere un commerciante a iscriversi a un conto PayPal Premier o Business allora, per i primi 12 mesi di utilizzo del suo conto, guadagnerai una commissione dello 0,5% sul suo volume di pagamenti, fino ad un massimo di 1.000 euro.

=> Usa PayPal per ricevere i TUOI pagamenti!

L’unico metodo davvero professionale e duraturo che mi viene in mente, per guadagnare con PayPal molti soldi, è quello di avere un TUO business online e di utilizzare PayPal per ricevere i pagamenti derivanti dalla vendita dei tuoi prodotti e/o servizi.

Spesso mi è capitato di sentire diverse persone lamentarsi del fatto che PayPal richiede delle tariffe sui pagamenti molto alte. In effetti le tariffe richieste non sono proprio bassissime (anche se le puoi diminuire di molto aumentando il tuo volume d’affari), tuttavia ci sono degli evidenti vantaggi a utilizzare questo sistema di pagamento.

Quali? Eccoli: PayPal è sicuro, è semplice da utilizzare, inoltre è il sistema di pagamento online più diffuso e conosciuto al mondo. Pertanto un sacco di persone, quando vedono che sul sito lo utilizzi come sistema di pagamento, si sentono subito più rassicurate…

One Response

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella  Cookie policy.

Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Alcuni contenuti o funzionalita non saranno disponibili a causa delle tue preferenze riguardo i cookies!

Ciò accade in quanto la funzionalità o il contenuto contrassegnato come “%SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di lasciare disabilitati. Per poter visiualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità devi prima abilitare i relativi cookies: Clicca qui per accedere alle preferenze dei Cookies.