La pirateria è davvero un problema per gli infomarketers?

Giuliano, un lettore di questo sito, recentemente ci ha mandato una mail dai toni molto preoccupati:

“Salve, ho scaricato e ascoltato con molta attenzione il vostro seminario gratuito su come guadagnare on line. Devo dire che l’ho trovato interessantissimo e prezioso per chi, come me, si avvicina a questa nuova avventura con molta cautela e scrupolosità. Tuttavia, alla fine del seminario mi è sorto un grande dubbio: gli infoprodotti sono in formato doc, pdf,  eccetera, o fisici in dvd. Come avete risolto il problema grave della divulgazione dei vostri documenti su sistemi come eMule o uTorrent?”

…In pratica Giuliano ha tirato in ballo l’ormai “antichissimo” problema della pirateria su internet. Ovviamente, la preoccupazione implicita di tante persone come lui è questa: gli infoprodotti sono in formato digitale -> ergo possono essere diffusi tramite file sharing e simili -> ergo possono scaricarseli cani & porci -> ergo nessuno o quasi li comprerà più -> ergo chi li vende guadagnerà poco o niente.

Smentisco categoricamente – e con molto piacere! – che chi vende infoprodotti non guadagni una mazza a causa della pirateria informatica. Vediamo il perché.

Ci tengo a rispondere pubbicamente a questa mail, datosi che solleva il classico “dubbio amletico” che si pongono molti novellini all’inizio (senza offesa per nessuno).

Prima di tutto un infoprodotto, specie in Italia, è sempre un “fenomeno di nicchia” (nel vero e proprio senso della parola) e normalmente si rivolge a un pubbico maturo – che quindi ha la capacità finanziaria di spendere soldi – che ha un problema da risolvere in un determinato campo.

Pertanto, salvo forse qualche rara eccezione, gli infoprodotti non si prestano a essere selvaggiamente piratati da orde di ragazzini galvanizzati che non vedono l’ora di “condividere” online qualunque cosa.

Inoltre l’utilizzo di un programma di affiliazione che permette di rivendere questo o quel infoprodotto intascando sostanziose commissioni, spesso fa in modo di scoraggiare la loro condivisione gratuita (“perché dovrei condividerli gratis quando invece ci posso fare i quattrini???”).

Ovvio che un certo margine di pirateria esisterà sempre in questo campo…come esiste in qualunque cosa possa essere trasmessa online, non si scappa! Tuttavia, non mi risulta che le grosse case di software chiudano i battenti a causa della pirateria…

Qualche intelligentone dirà “ma loro guadagnano su un sacco di gente!”. Yes of course, ma su tot copie di Photoshop regolarmente vendute (giuste per fare un esempio), ce ne saranno altrettante (se non di più) che sono state “condivise”.

Al contrario, le copie non pagate di un infoprodotto sono sempre in numero nettamente MINORE di quelle che vengono pagate. Ma poi, alla fine della fiera, vuoi sapere qual è la verità? Eccola: con un buon infoprodotto si fanno, in ogni caso, un sacco di soldi!!!

Insomma: noi infomarketers non stiamo qua a pettinare le bambole e facciamo questo business solo per un motivo: ci guadagnamo (e anche bene!). Poi è anche vero che ci piace e ci divertiamo un mondo a fare questa roba online. 🙂

Pertanto se c’è qualcuno che, raramente, sparge ai quattro venti le nostre opere non ce ne curiamo perché, fino a quando intaschiamo dei bei soldi, per noi si tratta di un problema secondario.

Aforisma del saggio: “a ogni problema c’è una soluzione e se non c’è una soluzione allora non è un problema!”. Traduzione per i duri di comprendonio: nessuno potrà mai sconfiggere il fenomeno della pirateria sul web, tanto vale conviverci e fare buon viso a cattivo gioco.

Morale della favola: ragazzi non state a fasciarvi la testa prima di rompervela!!! Pensate alle cose che contano veramente per fare i soldi con un business online e poi vedrete che, una volta che inizierete a intascare i vostri primi bei soldi, questa stronzata della pirateria sarà il vostro ultimissimo pensiero! 🙂

9 Commenti

  1. Guadagnare Online Italia
  2. Flavio
  3. Giancarlo
  4. Guadagnare Online Italia
  5. Nunzia
  6. Guadagnare Online Italia
  7. Aldo

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.